• oria5
  • oria3
  • oria4
  • oria6
  • ORIA1
  • oria2

La Passione di Cristo di Oria

La Sede Episcopale di Oria, con la sua antica tradizione cristiana, che parte dai tempi della Evangelizzazione Apostolica sino alla Dominazione Borbonica, ha avuto alterne vicende: dalla dominazione dei Goti al fulgido episcopato del Vescovo Teodosio, dall’uccisione del Vescovo-Martire Andrea da parte del protospatario Porfirio nel 979, al tempo della ricostruzione di Oria da parte dei Bizantini, alla lunga lite con la Diocesi di Brindisi e la conseguente separazione, come ultimo atto di una convivenza dolorosa fatta di antiche rivalità, avvenuta il 10 maggio 1591. Tra le sue mura, nel corso della sua storia millenaria, Oria accolse anacoreti e monaci orientali, santi e beati tra cui il Santo Patrono della città: San Barsanofio. Anche Francesco d’Assisi di ritorno dall’Oriente,si fermò ad Oria ove ricevette un terreno su cui fondò un convento attiguo al tempio, già esistente,dedicato a S. Maria di Costantinopoli. Nella maestosa Basilica Cattedrale dedicata all’Assunta(sec. XVIII) sono custodite numerose reliquie oltre a numerose tele settecentesche di cui trenta tele raffiguranti vari episodi della Passione. Un tributo alla sua storia millenaria e alle sue tradizioni è costituito da vari appuntamenti religiosi che ogni anno si ripetono tra la pietà e la devozione popolare. Uno di questi è la sacra rappresentazione storico-religiosa “La Passione nel Borgo Antico di Oria”, figlia dell’antica tradizione religiosa di cui gode Oria. La rappresentazione della “Passione” ha avuto origine in Oria,con alterne vicende, intorno agli anni ’50-’60 ed è stata rappresentata da varie Associazioni. Mentre a partire dal 1995, al fine di non far scomparire una tradizione oramai radicata nel territorio, la Passione viene rappresentata nel centro storico di Oria, dall’Ass. Gruppo di Promozione Umana. La sacra rappresentazione organizzata e diretta dallo stesso Gruppo, si tiene la Domenica delle Palme ed è diventata, oramai, un appuntamento insostituibile che fa da preludio ai Riti rievocativi della Settimana Santa. La drammatizzazione ripercorre le fasi salienti della Passione di Cristo,dalla preparazione della Cena Pasquale sino alla suggestiva scena della deposizione di Gesù nel sepolcro. La rappresentazione si svolge in quattro scene nel centro storico – Parco Montalbano,Piazza Cattedrale,Piazza Manfredi e Colle Iris – che ben si prestano per le scenografie concepite in modo da offrire al pubblico la possibilità, mentre segue la rievocazione religiosa, di ammirare i vari monumenti “incastonati” nel caratteristico borgo medievale. I colori delle luci, gli effetti sonori, le musiche, i costumi, la scenografia e la drammatizzazione si fondono e si intrecciano nei caratteristici luoghi del centro storico, divenuti per l’occasione palcoscenico naturale. Oltre duecento personaggi prendono parte alla rievocazione, dove si possono ammirare i caratteristici costumi e gli allestimenti scenografici riprodotti fedelmente, a seguito di uno studio particolare sugli usi e costumi nella Palestina ai tempi di Gesù. Il testo è stato scritto da una equipe del gruppo, a seguito di ricerche e studi su testi della tradizione religiosa locale.

 

Ass. GRUPPO DI PROMOZIONE UMANA

c/o Parrocchia San Francesco d’Assisi, ORIA (Brindisi)

Via A. Manzoni, 10, 72024, Oria (Br) - Tel./Fax: 0831/ 849419

www.gpu-passioneoria.it - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

E-mail per ogni informazione sulle attività del Gruppo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.