SEZZE

La Passione di Sezze come ora sfila per le vie del paese è opera dell’Avvocato Filiberto Gigli che nel 1933, colpito dal profondo sentimento spirituale del popolo setino decise di ridare nuova vita all’antica “Passione” medioevale, arricchendola di un nuovo contenuto artistico.Il Gigli ebbe come collaboratore nella regia Marcello Covoni del Teatro dell’opera, Pietro Pocek per la parte pittorica, mentre l’elemento architettonico fu assunto dagli accademici Piacentini e Giovannoni coadiuvati da Piero Aschieri. L’avvenimento così inquadrato fu un potente richiamo nel mondo artistico-culturale. Il Commediografo Rosso di San Secondo ebbe parole di elogio sulla Passione di Sezze, a lui si associarono il Bellonci, il Contini, il Corsi, il Lodovici con vari interventi sulla stampa nazionale, rilevando il forte contenuto artistico della manifestazione. Sensibili al richiamo artistico furono Beniamino Gigli, Claudia Muzio e Marta Abba che si esibirono a Sezze in una edizione della Sacra Rappresentazione alla fine degli anni 30. La “Passione di Sezze” raggiunse in pochi anni una tale rinomanza tanto che nel 1950 si rappresentò a Roma in Via dei Fori Imperiali a coronamento del Giubileo: lo spettacolo fu straordinariamente bello e commovente, tanto da suscitare entusiastici consensi da parte di tutta la stampa specializzata ed elogi dall’ora capo di governo Alcide De Gasperi. Ininterrottamente dal 1968 la “Passione” viene rappresentata nelle principali vie di Sezze. Grossa è la partecipazione del popolo setino che ha sempre inteso questo impegno come uno dei fondamentali e importanti aspetti della vita cittadina. L’organizzazione è curata dall’Associazione della Passione di Cristo già dal 1933. Il Presidente dell’Associazione è il Signor Elio Magagnoli che si avvale della collaborazione di un nutrito numero di collaboratori, mentre la direzione artistica è affidata ormai dal 1981 dal Dott. Piero Formicuccia, psicologo e regista teatrale che ha sempre inteso realizzare, in questa rievocazione del “Dramma Sacro” quel connubio proprio del popolo setino intriso di spiritualità e arte, riuscendo a miscelare il contesto storico con l’esigenza di rendere attuale il messaggio cristiano della rievocazione della Passione di Cristo. Autorevoli nomi dello spettacolo hanno preso parte alla Rappresentazione elevandone e arricchendone i toni artistici: Franco Concilio attore e direttore di scena del Teatro dell’Opera di Roma, glia attori Martufello, Lina Bernardi, Stefano De Sando, Marina Tagliaferri, Nadia Rinaldi, Franco Oppini, Vanessa Gravina ed Edoardo Siravo. Importante anche la collaborazione degli allievi dell’Accademia d’Arte Drammatica “s. D’Amico” e della scuola di teatro “Menandro” di Roma coordinati dall’attore Luigi Tani e dalla Dott.ssa Carla Perrone Capano. L’Associazione della Passione di Sezze è membro fondatore dell’Europassione.


Sezze, oggi provincia di Latina, sorge a 319 m sul livello del mare, vanta origini molto remote. La sua fondazione risale al  IV° sec. A.C. ad opera dei romani che con essa crearono una roccaforte della loro potenza in pieno territorio volsco. Durante tutto il periodo Repubblicano Sezze fu un centro importante, anche in considerazione della sua posizione logistica molto vicina alla grande arteria di comunicazione tra Roma e il sud, sulla via Appia e a ridosso della Via Pedemontana Volsca che univa Roma con il sud del Lazio. La città è giunta fino ai nostri giorni attraverso continui processi di evoluzione edilizia tesi a conservare le strutture architettoniche tipiche di ogni età sovrapponendo alle costruzioni romane quelle medioevali per arrivare nel corso dei secoli ad imponenti palazzi ottocenteschi. Caratteristica la struttura muraria che si sviluppava nel medioevo e che presentava le porte di entrata alla città: Porta Romana, Porta Paolina, Porta Pascibella e Porta S. Andrea. L’ingresso più importante era quello di Porta Romana in quanto collegava Sezze alla pianura. Collocato al centro del paese troviamo il palazzo cinquecentesco della Famiglia De Magistris oggi sede del comune. Sezze pur avendo le caratteristiche di un centro compatto dispone di diverse piazze che si trovano tutte davanti a chiese o edifici pubblici. Da visitare la Cattedrale di Santa Maria costruita nel XIII° sec.sui resti di una chiesa romanica con la particolarità di presentarsi in posizione rovesciata. Il Duomo merita un’attenta visita in quanto ricco di opere e particolari artistici di notevole pregio che risalgono al XII-XVI sec. A pochi metri dalla Cattedrale si trova la Chiesa del Bambin Gesù di architettura barocca e la Chiesa di San Pietro ricca di dipinti e tele del pittore Giuseppe Turchi, costruita fra il 1589 e il 1622 dai Gesuiti. Importante anche la chiesa di Santa Lucia edificata nel XIII sec. bellissimi sono gli affreschi della scuola di Giotto.


Numerosi sono i percorsi possibili da seguire per conoscere la storia e la cultura della città di Sezze. Tra gli itinerari non può mancare la visita all’Antiquarium Comunale istituito nel 1969, il più antico museo dei Monti Lepini, dove si possono trovare raccolte dedicate alla preistoria e all’età romana, reperti medievali e una piccola pinacoteca. Ideali per chi ama la natura e le camminate all’aria aperta sono le escursione sul Monte Semprevisa che domina la collina sottostante e la pianura pontina fino al mare. Per chi visita Sezze non può tralasciare la Casa natale di San Carlo in Piazza San Lorenzo, abitazione paterna del francescano patrono di Sezze. Numerose sono le tradizioni, tra le più importanti sono da ricordare: la Passione di Cristo che si svolge nel Giorno del Venerdì Santo. In costume d’epoca studenti, operai e professionisti si preparano ogni anno per continuare questa illustre tradizione che così profondamente ha inciso nella storia di Sezze. Nel mese di Aprile si svolge anche la Sagra del carciofo giunta ormai alla 38 edizione, la migliore occasione per degustare il famoso carciofo setino nelle migliori ricette locali. Restando in tema di tradizione gastronomica, va ricordata nel mese di Agosto la Sagra della Zuppa di fagioli dove è possibili assaggiare il pane di Sezze. Nello stesso periodo ricordiamo anche la festa dei Santi Patroni S.Lidano e S.Carlo. Da apprezzare sono anche i noti dolci di Sezze a base di semplici ingredienti: le ciambelle di vino e acqua, le paste di visciole, il tortolo, la pagnottella di uova e la caciata, tipico dolce di ricotta.

ASSOCIAZIONE DELLA PASSIONE DI CRISTO
Sacra Rappresentazione della Passione di Sezze
Anno di Fondazione 1933

Sede: Via Garibaldi 12 – 04018 SEZZE (Latina)
Telefono: 0773 803002   Fax: 0773 800194   Cell: 328 1222009
E-mail: passionedisezze@alice.it
Sito web: www.passionedisezze.it